TRACCE DI PIACENZA/13


Scontri violenti tra gli abitanti di Ravenna (…) si ripetevano ogni domenica. Scontri durissimi, quasi all’ultimo sangue: ci si fermava solo al momento di infliggere il colpo definitivo all’avversario: e anche così i morti non erano infrequenti.
Sorge allora subito spontanea la domanda sull’origine di questo uso. Prima di tutto va detto che durante il Medioevo “giochi” del tipo di quello ravennate erano usuali in quasi tutta l’Italia centrosettentrionale, sia nel periodo più antico sia durante l’età comunale (che anzi mostra un infittirsi delle testimonianze in questo senso per il netto aumento della quantità delle fonti disponibili). Le fonti provano la diffusa partecipazione della popolazione, senza distinzioni di strato sociale, a queste zuffe, che avevano nomi diversi, ma che in genere si chiamavano “battaglia” (pugna, battagliola, bellum) oppure “gioco” (ludus). Nel nome, poi, si faceva talvolta riferimento alle armi come elemento di specificazione (gioco o battaglia con i bastoni, le mazze, le clave, gli scudi e così via). Esse si svolgevano in luoghi aperti, ben individuati, spesso fuori delle mura, ai quali è rimasto il nome di “campo” o “prato di battaglia”.
Nel 1090 a Piacenza i combattimenti si svolgevano in un terreno vuoto, compreso fra una chiesa e una strada; altre prove toponomastiche simili vengono, per esempio, da Modena e da Perugia. In quest’ultimo caso il luogo dello scontro è perfettamente documentato (il ludus battaglie, il gioco della battaglia ben noto fin dal Duecento, continuò fino al Quattrocento inoltrato): si trovava sotto l’attuale piazza Matteotti ed era delimitato da un muro.

S. Gasparri, Giochi di guerra. Gli scontri cruenti tra fazioni cittadine, in Storia e Dossier 55, ottobre 1991, pp. 41 s.

 

, ,

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)